Illuminazioni

7th November
2009
written by graziano

venerdì 13 dalle 18 e fino 4 dicembre zerozeronove

mostra personale di gabriella kuruvilla

Tra
Italia e India

indian no oil e molto di più
dove????
pianeta terra penisola italica NoMilanoNo

Casa delle culture del mondo
http://www.provincia.milano.it/culturedelmondo
via Giulio Natta 11

Gabriella Kuruvilla – pittrice italo-indiana, presenterà un’antologia delle sue opere, tra cui alcuni inediti.
Realizzati prevalentemente in sabbia e tessuto, e declinati nelle tonalità della natura o virati in un grafico bianco-nero, i quadri ricordano, nella scelta dei materiali, dei colori e dei simboli, un mondo arcaico, che evoca l’Oriente e l’infanzia: l’India delle stoffe colorate e i primi disegni dei bambini.
Con lo pseudonimo di Viola Chandra ha pubblicato il romanzo Media chiara e noccioline, edito da DeriveApprodi. Nel 2005 è uscita, per Laterza, l’antologia Pecore Nere, in cui sono presenti due suoi racconti. Nel giugno 2008 ha pubblicato, per Baldini Castoldi Dalai, l’antologia di racconti E’ la vita, dolcezza.

Pur’ anche autrice di "Dianablu" …
ottima barista dello Spirit un po’ d’anni fa quando bevevamo la Slalom tornavamo a casa a zigghezagghe e la mattina dopo avevamo un’ascia conficcata nel terzo occhio

Venerdì 13 dalle 18 ci aspetta tutt* in via Giulio Natta all’undici alla Casa delle culture del mondo
il tutto deliziato dal djset
di Madflex

www.provincia.milano.it/culturedelmondo
www.gabriellakuruvilla.it



ingresso libero 

  

Comments Off on Indian no oil e tanto altro
4th February
2009
written by graziano

meno nazi
meno sbirri
meno fumo pacco

 

Comments Off on sui muri di milano – avvistamento 4 febbraio
13th November
2008
written by graziano

II Maestro Zen di questa carta ha imbrigliato l’energia del fuoco ed è in grado di usarla per creare, anziché distruggere. Egli ci invita a riconoscere e a partecipare con lui alla comprensione che appartiene a coloro che hanno padroneggiato i fuochi della passione, senza reprimerli, o permettere loro di diventare distruttivi e fuori equilibrio. E così integrato che non esistono più differenze tra colui che si trova all’interno e colui che si trova nel mondo esterno. Offre questo dono di comprensione e di integrazione ci tutti coloro che hanno da lui, il dono della luce creativa che scaturisce dal centro del suo essere. Il Re di Fuoco ti informa che qualsiasi cosa intraprendi in questo momento, con la comprensione che scaturisce dalla maturità, arricchirà la tua vita e quella degli altri. Usando qualsiasi abilità tu abbia, qualsiasi cosa tu abbia compreso grazie all’esperienza della tua vita, è tempo per te di esprimerti.

"Nel mondo esistono due tipi di creatori. Uno opera con gli oggetti: un poeta, un pittore, operano con gli oggetti, creano qualcosa; l’altro, il mistico, crea se stesso. Egli non lavora con gli oggetti, opera col soggetto; lavora su di sé, col proprio essere. E lui è il vero creatore, il vero poeta, poiché fa di se stesso un capolavoro. Ognuno di voi porta in sé un capolavoro nascosto all’interno, ma voi siete d’intralcio. Spostatevi, e il capolavoro verrà alla luce. Ognuno di voi è un capolavoro, perché Dio non fa’ nascere altro: tutti portano con sé quel capolavoro nascosto per molte vite, senza sapere chi sono, eppure tentando in superficie di diventare qualcuno. Lascia cadere l’idea di diventare qualcuno, perché sei già un capolavoro; non ti puoi migliorare. Devi solo arrivare a coglierlo, a conoscerlo, a realizzarlo. Dio stesso ti ha creato, non puoi migliorarti!"

18th October
2008
written by graziano

Qualsiasi cosa tu stia facendo – camminare, stare seduto, mangiare – o anche se non stai facendo nulla, se stai semplicemente respirando o ti stai rilassando sdraiato in un prato, non dimenticarti mai che tu sei colui che osserva.

Certo te ne dimenticarai continuamente. Sarai preso da un pensiero, da una sensazione o da un’emozione…qualsiasi cosa potrà distoglierti dall’osservatore.

Ricordatene e torna al centro da cui osservi. Fallo diventare un continuo
processo interiore: ti sorprenderà come la vita cambierà di qualità
.

Osho 

Comments Off on tu sei colui che osserva
9th January
2008
written by graziano

Nataraj Meditation is dance as a total meditation,
disappearing in the dance, then relaxing into silence and stillness. 
There are three stages, lasting a total of 65 minutes.  

"Let the dance flow in its own way, don’t force it.  Rather, follow it; allow it to happen.  It is not a doing but a happening….  You are just playing with your life energy, playing with your bio-energy, allowing it to move in its own way."
– Osho, Meditation, The First and Last Freedom  

1.First stage: 40 minutes
With eyes closed dance as if possessed.  Let your unconscious take over completely.  Do not control your movements or be a witness to what is happening.  Just be totally in the dance.
 
2.Second stage: 15 minutes
Keeping your eyes closed, lie down immediately.  Be silent and still.

3.Third stage: 5 minutes
Dance in celebration and enjoy.

31st December
2007
written by graziano

A Rose is a Rose is a Rose

28th December
2007
written by graziano
17th December
2007
written by graziano

non e’ la tombola … 77 le gambe delle donne
e neanche l’onda lunga del settantasette, ma
il governo e la curia italiana poco gradiscono la visita dell’occhialuto erede :) del buddha

i LAMA STANNO SUL TIBET, lo gridammo allora e lo possiamo dire anche oggi,
perche’ per quanto se ne dica,  sto  dalailama  e’  ‘na patacca…

 

 

28th November
2007
written by graziano

quieora e’ l’unica cosa ti possa interessare
quieora e’ la sola cosa che conti
peccato che, c’e’ tutto un rumore nevrotico ossessivo che ti porta via dal quieora
ma non c’e’ che ritornarci per ritrovarsi finalmente a casa.
c’e’ poco da fare perche’ e’ facile_difficilissimo
e’
quieora

 ‘nijen’

18th November
2007
written by graziano


Vorrei essere semplicemente perdonato e dimenticato.
Non e’ assolutamente necessario che vi ricordiate di me.
Cio’ che conta e’ che ricordiate voi stessi. La gente ha sempre
ripetuto lo stesso errore: ha ricordato
Gautama il Buddha, Gesu’ Cristo, Confucio e Krishna;
ma la cosa non e’ mai stata di alcuna utilita’.
Ecco perche’ vorrei che vi dimenticaste di me totalmene e, al tempo stesso
vorrei che mi perdonaste; perche’ vi sara’ difficile dimenticarvi di me.
Pertanto, chiedo il vostro perdono per lasciarvi in questo guaio.
Ricordati di te stesso. E non preoccuparti degli storici e di tutte
le persone nevrotiche che cercheranno di studiarmi.

Osho  

 

Previous